Archivio | 17 giugno 2017

Lavorando.

Diciamo che il lavoro va bene.

Diciamo che la vita a tratti da uno schiaffo e in altri una carezza.

Diciamo che i miei giochi preferiti sono fermi lì e non si muovono.

Diciamo che ho abbandonato un pochino tutto.

Diciamo che fa veramente caldo.

Diciamo che vorrei fuggire e rifugiarmi in Germania nella foresta nera (si chiama così?). Così, al fresco. 

In questi giorni mi sono soffermata a pesare la qualità della mia vita, sopratutto quando una persona, sotto un mio post, mi ha scritto che sono sempre arrabbiata 😡. E che devo fare? Non posso darle torto. Scrivo solo quando ci sono cose da dire e le cose da dire mi vengono quando le palle mi sono girate talmente tanto che mi hanno letteralmente fatto prendere il volo. Non è colpa mia. 😇

Intendiamoci, io non sono sicuramente una dal carattere facile, ci mancherebbe, non me la racconto proprio una storiella del genere. Ma amo vivere in pace, amo la tranquillità tra le mura di casa, amo le risate delle mie figlie e dei bambini in generale (tranne in mezzo alla notte e quando non hai a casa bambini cit.), amo uscire e andare al parco, far correre il mio cane, portare le mie figlie in bici, al bioparco, al parco acquatico, vedere famiglie felici, chiacchierare con le persone (questo un pochino meno). Non è che auspico all’ estinzione del genere umano (non sempre almeno). 🤔

Il problema mio e della società è che la società è diventata uno schifo. Mi arrabbio appena metto piede fuori casa, per questo poi a fine giornata sono inviperita, e si, lo so che probabilmente non arriverò ai 60 perché mi verrà un ictus o qualcosa del genere, ma non ho paura di morire, non sono cattolica e non credo nel paradiso ma sono abbastanza tranquilla perché so di aver dato il meglio nella mia vita, sempre, e anche con chi non lo meritava affatto il mio meglio. La morte fa parte della vita quindi si, probabilmente il mio nervoso e la mia ansia mi faranno schioppare qualche vena prima o poi, ma tranquilli, moriremo tutti 😂.

Tornando a bomba però, dicevo, mi innervosisco da appena esco di casa. Ed è una cosa che mi succede da quando ho lasciato la Sardegna. Probabilmente quando mi dicono che una piccola città è più facile da gestire e palle varie hanno anche ragione, ma non è solo la gestione della città il problema. Il problema è proprio la gente. 😶

Qui regna il caos, ed io sono una persona che non riesce a vivere nel caos, nel disordine mentale della gente, nel non rispetto delle regole. Non ci riesco. Non attraverso con il rosso e ho insegnato alle mie figlie a non farlo. Invece qui siamo le uniche a stare ferme al semforo. “Ma che cazzata” starete pensando, e invece no. Non è vero. Vedo mamme attraversare in diagonale gli incroci più terribili con i bambini per mano, corrono per cercare il momento in cui la strada è libera. Con i bambini ripeto. Con dei bambini per cui le regole sono talmente importanti che non si può insegnare loro che “Vabbè fanculo al semaforo non passa nessuno adesso”. Sono gli stessi bambini che adesso tiri per mano, ma un giorno andranno da soli a scuola, non staranno attenti, attraverseranno a cazzo e quando verranno investiti si dirà “Ma poverini” e magari la mamma darà la colpa all’ automobilista. Eh no stronza. La colpa è la tua, che se tu per prima avessi insegnato a tuo figlio un minimo di rispetto per una regola così piccola adesso non sarebbe stato investito. Che poi i ragazzini si trasformano in perfetto stronzi è un altro discorso, ma minimo l’insegnamento glielo devi dare. 😒

Cacca, cacca di cane ovunque. Ho il cane ed esco con i sacchetti, io e pochi altri stronzi, per il resto dobbiamo schivare le cacche dei cani altrui. La cosa più assurda? Riescono a far fare la acca ai propri cani sui muri. Dico io, ma come fanno? Sono cani circensi? Metri di muri cagati dai cani. Ma si può? 💩 

Prendiamo la macchina? Lo slalom tra chi cammina in mezzo alla strada, occhio ai pedoni che attraversano in ogni dove, le strisce sono un optional, la gente si butta sotto, i marciapiedi vuoti (a parte la cacca) e tutti che camminano allegramente in mezzo alla strada, ma dico, dove vi credete, in una sagra di paese? Non è che in via Boccea ti puoi fare i vasconi avanti e indietro come in una paesino di montagna, sali su quel cazzo di marciapiede. Gli automobilisti dovrebbero avere la licenza di falciare chi non attraversa sulle strisce e non cammina sul marciapiede. ☠️ Ah, e non attraversa con il verde, ovviamente.

Macchine selvagge, passano contromano e te le ritrovi davanti mentre tu cammini nella tua corsia, nemmeno si scusano. Chi guida lo scooter passa completamente contromano, ti devi spostare tu perché loro per superare le macchine sono nell’altra corsia. Io per fargli dispetto non lascio mai lo spazio e cammino filo alla linea di demarcazione a sinistra. Vuoi superare, dai facciamo un frontale, io sono in macchina, la peggio la hai tu, e mi paghi pure i danni. 😡

In terra trovi di tutto, bottiglie, assorbenti, panini e pezzi di pizza, frutta mezza mangiata, noccioli, (cacca), materassi, frigoriferi, mobili completi, pc, e non diamo la colpa all’ama per cortesia, ci sono le isole ecologiche per certe cose, non è colpa dell’ama se tu  la butti accanto al cassonetto, è colpa tua coglione, e hai voglia a fare le foto dementi con il titolo “Raggi perdonami”, non la ha buttata la Raggi la dispensa accanto al cassonetto, la ha buttata un coglionissimo cittadino. 🤷🏻‍♀️

È facile prendersela con chi amministra male, dare la colpa al politico di turno che non fa nulla. Si certamente, la città viene amministrata di merda da anni, sarà anche un casino da rimettere in piedi una città così grande, ma si dovrebbero prima di tutto rieducare i cittadini. Perché la cacca del cane non la lascia l’amministrazione comunale, la lascia il cittadino. Rieducazione stile arancia meccanica, ecco cosa ci vorrebbe. Sicuramente la città continuerebbe ad essere amministrata male, ma sarebbe comunque più vivibile. E fatevelo cazzo un esame di coscienza. 💆🏻

Per non arrabbiarmi dovrei non uscire mai di casa, ma non mi è possibile purtroppo. Ho due bambine e un cane, ho un gruppo di lavoro che seguo ed ora comincio ad avere ragazze anche sul territorio, quindi devo per forza uscire di casa 🏡 con Frafra amavamo fare le passeggiate mano nella mano e quello lo abbiamo abolito, tornavamo a casa idrofobi. 👫

Quindi fatemi un favore enorme, prima di buttare una cartaccia, di non raccogliere la cacca del vostro cane, di scaricare un tavolino dove non dovete, di mangiare la frutta e buttarne il nocciolo sul marciapiede, di camminare in mezzo alla strada, parcheggiare in seconda fila, camminare in contromano, attraversare con il rosso o non sulle strisce. Prima di fare gli stronzi ineducati incivili cafoni teste di cazzo, pensate che poi mi costringete a scrivere sempre incazzata e piantatela, pensate che la vostra maleducazione ricade sugli altri in un modo o in un altro. E i vecchi, cazzo, attraversate con il verde che mie figlie vi guardano alienate. Dovreste essere l’esempio per le nuove generazioni brutti stronzi. 👴🏻👵🏻