Archivio | maggio 2017

Diario di bordo di metà mese di maggio.

Eccola qui, scostante come al solito, sempre incapace di mantenere gli impegni e di stare, come si suol dire, sul 👉🏼pezzo👈🏼.

Io nemmeno so che cosa significa stare sul pezzo, o meglio, so cosa significa, ma non mi interessa starci🤔.

Per stare sul pezzo devi sempre avere qualcosa da dire🗣, anche quando non hai nulla da condividere, ed io invece sono una così, io preferisco stare zitta🤐 se non ho niente da dire, e da quando ho iniziato a fare la capogruppo devo dire che oramai ci penso anche due volte ad intervenire, sotto qualsiasi post capiti. A volte scrivo lunghe risposte intelligenti, pungenti, nel mio modo tipico da presa per il culo mentre ti apro gli occhi alla verità e ti faccio anche rimanere male, poi finito di scrivere mi fermo, e mi chiedo se ne vale la pena di perder tempo. La risposta ultimamente è quasi sempre “No”. E cancello.


Queste ultime settimane sono state un pochino un reboot delle piaghe d’Egitto. Non era ambientato in Egitto, ma sempre piaghe erano, e ne ho parlato anche nel mio precedente intervento, anzi no, in quello prima ancora🤔. Nell’ultimo ero in depressione, sotto benzodeazepine e volevo tentare il suicidio☠️, ma ogni tanto va così, sono gli strascichi della mia vita nella stessa casa con mio suocero, ogni tanto al suicidio una ci pensa per forza🤐.

Pare comunque che l’allergia una pausetta se la sia presa, che la bronchite asmatica abbia deciso di allontanarsi (mi mancherai, ma ci vediamo in autunno 🍂), che gli starnuti, la tosse, il naso che cola e tutti gli annessi e connessi si siano o si stiano stancando di me, e piano piano mi stiano abbandonando. Molto lentamente però, che mica abbiamo fretta noi. 😝

Maria studia, Ilaria studia (ma ultimamente sta a casa per vezzo, che lei ancora se lo può permettere in prima elementare, e in generale siamo tutti abbastanza stanchi a dire la pura verità.

Speriamo in una ripresa definitiva, nella fine della scuola, nelle vacanze meritate ed in un’estate decente. 🙏🏼

Annunci

Quando sai che così non è.

Capita a volte, quando meno te lo aspetti, che il tuo cervello faccia brutti scherzi.

Vuoi una cosa, la hai sempre voluta, ma chissà perché il tuo cervello ti fa credere che ci siano soluzioni per te che vanno meglio.

Ma non è così. Poi te ne  rendi conto. Non è ma così. Anzi. Ma di solito è troppo tardi e i giochi sono fatti.

Che ne so. Ti piace un parco naturalistico ma il tuo cervello, nel più bello che stai ammirando la nascita di un fenicottero, ti dice che se corri all’altro capo del mondo ci sarà un parco migliore di questo. Corri, nessuno ti segue e tu ci vai da sola, e poi quando arrivi lì ti rendi conto che il parco è bello, davvero, è pure migliore, ma tu volevi vedere quel piccolo fenicottero che veniva fuori dal suo uovo. Era con quel fenicottero che volevi rimanere. Ed invece adesso sei in un altro parco, con altri animali bellissimi, ma il fenicottero ti manca da toglierti il fiato, perché volevi vedere, davvero, volevi vedere come sarebbe andata a finire. Volevi vedere se il piccolo fenicottero avrebbe fatto tutto da solo, se si sarebbe liberato da quel guscio, se si sarebbe messo in piedi senza l’aiuto di mamma fenicottero. Invece sei in un bellissimo parco, ma quell’unico fenicottero in tutto il mondo che avresti voluto vedere, quel fenicottero che volevi seguire, non c’è. E non puoi tornare indietro perché sai che quel fenicottero oramai è andato via.

Rendo l’idea.

Ecco.