Le cose buone e belle

Non lo so perché, ma era qualche giorno che sentivo di dover scrivere un nuovo intervento sul mio blog.🤔

Ultimamente mi ritrovo a pensare che la vita, poi, non è che faccia così schifo, dipende sempre come la guardi, da dove la guardi.

Di solito, se la guardi dal basso verso l’alto, vedi solo le cose brutte, vedi quelle pesanti, ti senti piccola e non vedi vie d’uscita, come se dei piedi enormi ti dovessero schiacciare. Ma se per caso ti ci impegni un pochino, a guardare 👀 con una prospettiva un attimino differente, portandoti un pochino più in alto, allora le cose cambiano. 🙃

Che ne so, ho comprato due pennini per l’iPad su Amazon, 10 euro spesi per levarmi solo la curiosità di provarli nelle applicazioni di note, nelle simil agende elettroniche, perché avevo deciso che ci dovevo scrivere con la penna, a mano libera. 10 euro, che poi ho deciso che potevo pure comprarmici le carte di animal crossing 😅 con quei 10 euro, e avrei avuto un altro desidero da bambina realizzato. Ma quando ci stavo pensando ormai avevo concluso l’ordine e a me non piace annullare se non è strettamente necessario. 😶

Fatto sta dopo 2 giorno suona il corriere con il pacco che contiene anche i pennini. Lo apro. Sono due pennini metallici con le punte in entrambe le estremità. In una il gommino è fine, nell’altra invece più grosso. Mi metto lì e provo le applicazioni di note e simil agende che mi sono scaricata (praticamente tutte quelle gratuite nello store). Deludente. Programmi assolutamente inutili, approssimativi, senza un briciolo di precisione. Guardo il pennino e lo parcheggio, ho già capito, mi mi sarei dovuta comprare le carte di animal crossing 😑

Arriva Ilaria. Mi chiede il tablet. Glielo do. Vede il pennino e mi chiede di scaricare qualche applicazione di disegno da provare (di nuovo tutte quelle gratuite dello store invadono il mio tablet). Mi da il secondo pennino e mi chiede di disegnare insieme. Ovviamente non è possibile, perché il programma riconosce il tocco di un solo pennino, non è possibile lavorarci in due 😅. Facciamo un pochino io e un pochino lei. Ride. Ride di gusto mentre proviamo le varie funzioni. Matita, penna, pennarello, pennello, aerografo, bisturino (non so come si chiami). Ci entusiasmiamo per il pennello e gli acquarelli. 😍

Tira una linea, acquarellala, facciamo un Sole? Ok vai. Ma questo è il mare? Non lo so decidi tu. Si è il mare. Li ci mettiamo un ombrellone. Aspetta perché non facciamo le nuvole? Dai mettiamo anche le onde. Voglio un’onda che sia grande. Bene vai, falla tu. Faccio la schiuma? Così? No di più. 

Ed ecco alla fine il capolavoro. Lei ha saltato contenta per qualche minuto, ed io sono rimasta così, a guardarla, con un’espressione da vera idiota, come se per la prima volta vedessi la gioia. 

Prende il pennino Maria e decide che anche lei deve darsi alla pittura con me, quindi facciamo un altro disegno. Maria è l’eterna indecisa, mi fa cancellare mille volte i tratti abbozzati sul foglio elettronico. Il pennello 🎨? No il pennarello, anzi la matita, ma il Bisturino a cosa serve (eh a saperlo), ma la carta usiamo la liscia o quella per acquarelli? 😶

Comunque vada, disegna, cancella, acquarella, riempi, ri cancella, colora con i pennarelli, toglilo che sono meglio gli acquarelli, Maria mi sono rotta il cazzo adesso lo teniamo così, ma no mamma proviamo con i pastelli, ho detto di no, dai dai, ho detto di no, ma mamma, cancello tutto Maria, va bene. 


Ed alla fine anche con lei un paesaggio non lo fai? Lo so è parecchio minimal, più per sfinimento che per mancanza di idee, non avevo più voglia di cancellare e ricominciare. Ovviamente lei è andata via scontenta 🙄.

Comunque vada, mentre io guardavo quei pennini dal basso del mio acquisto fallito, entrambe le mie figlie lo hanno guardato da una prospettiva differente e ne hanno fatto subito un utilizzo talmente ovvio che io non ci avrei mai pensato (io disegno sulla carta vera 🙄), ed almeno una delle due è pure rimasta contenta 😂

Due prospettive, due utilizzi differenti, io schiacciata e loro soddisfatte (una sola ma facciamo finta).

E allora? Allora cosa. Tutto sto papiro perché? Semplice, perché voglio vedere le cose dall’alto anche io. Voglio vedere nuove strade, non ostacoli, voglio vedere possibilità, non fallimenti, voglio vedere cose utili, non attrezzi da buttare. 

E quindi? E quindi niente. Ho deciso che vedrò le cose dall’alto da oggi. Perché daL basso le ho viste troppo spesso, e onestamente mi sono rotta le palle. 😜

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...