Le nuove mamme perfette

criticareSempre più spesso mi vado imbattendo nella nuova categoria di mamme perfette. Sono iscritta in alcuni gruppi fb di genitori, che trovo utili perché mi danno la possibilità di conoscere le altrui esperienze e i comportamenti messi in atto da diversi genitori per la risoluzione dei più svariati problemi. Nello stesso tempo però mi incutono timore e inquietudine. Il motivo è semplice. Le mamme, la maggior parte di loro almeno. Sono di solito quelle che hanno figli piccoli, non più di 5 anni in linea di massima. Sono quelle che vanno al parco e stanno con un occhio sui figli e con l’altro sulle altre mamme, pronte a coglierne ogni aspetto secondo loro errato, e a farne delle discussioni che non finiscono più sui gruppi sopra citati. Dai una sculacciata o alzi la voce? I servizi sociali ti dovrebbero portare via i figli. Dai una merendina confezionata invece di un frutto? Non ci tieni ai tuoi figli e li stai avvelenando. Dai un panino con il prosciutto e se incappi in quella vegana estremista mamma mia aiuto che ti piovono addosso le peggio maledizioni, oltre al fatto che non sei una mamma degna perché mangi e fai mangiare a tuo figlio altri esseri senzienti. Insomma, una guerra.

Ieri notte, per esempio, stavo su uno di questi gruppi a cercare suggerimenti da parte di mamme con figli che hanno avuto problemi di carie ravvicinate nel tempo, per capire se Maria avesse un problema o fosse solo un discorso di genetica sfigata. Mi sono casualmente imbattuta su una mamma che si definiva una “cattiva madre” perché aveva dato una sculacciata al suo bambino duenne che si era liberato dalla sua mano per catapultarsi in mezzo alla strada. Io mi sono messa li e ho fatto il conto alla rovescia. Sapevo infatti che la sculacciata avrebbe aperto un dibattito acceso e sanguinolento tra chi e pro e chi è contro la pacca sul sedere. Ne ho lette di tutti i colori. Chi è pro alla pacca ovviamente ha rassicurato la madre in questione dicendole che nessun bambino era mai finito dallo psicologo a causa di qualche sculacciata, e che comunque a volte la sculacciata è “contenitiva” per il bambino. Dall’altro schieramento invece sono arrivate cose assurde, a mio parere. Accuse contro queste mamme che giustificavano la sculacciata e la utilizzavano come metodo educativo.

La cosa più estrema che ho letto è stata una mamma che inneggiava alla punizione per via penale verso quei genitori che sculacciano i loro figli. Badate bene, SCULACCIANO, non massacrano di botte per ogni minima cazzata fatta dal bambino. Della serie, ti parte il bambino dalla mano, si lancia in mezzo alla strada, tu lo riesci a prendere prima che venga schiacciato da una macchina, lo sculacci, e a te ti arrestano e ti levano il bambino per maltrattamenti verso un minore. Rendo l’idea? A leggere certe perle di saggezza mi si è aperto un mondo. Insomma. Facciamo conto che passa la legge sugli sculaccioni e nessuno può più darne, pena arresto e prelevamento del minore, quanto sarebbe lungo il passo prima di portare via un figlio perché la mamma urla quando lo rimprovera (io per esempio sarei senza da parecchio), o perché una casa è disordinata, o perché una mamma è obesa e rischia di far ingrassare i figli mandandoli incontro a problemi futuri. Parlando per assurdo un giudice vagano potrebbe decidere che tu genitore onnivoro metti a rischio tumore i tuoi figli e farteli portare via.

Insomma, credo che in ogni cosa ci voglia la giusta via di mezzo. Parlare di una sculacciata una tantum lo trovo più che normale, non lo trovo violento e non lo trovo un futuro problema per il bambino. Differente è parlare di maltrattamenti, di botte, di lividi e quant’altro.

Io ho preso le mie sculacciate, mi confesso qui, pubblicamente, le ho  prese. Mio padre me le ha date. Beh, io da adulta ringrazio quelle sculacciate perché altrimenti alcune cose non le avrei proprio capite fatta a bambina. Non sono rimasta traumatizzata, non sono una persona violenta ( se non mi devo difendere almeno), non ho bisogno di uno psicologo per curare traumi infantili e con i miei genitori ho sempre avuto uno splendido rapporto, costellato solo dei classici problemi di non comunicazione dovuti ai vari scatti di crescita. Non avevo paura di mio padre, non stavo a guardargli le mani aspettandomi che partissero, perché sapevo che non lo faceva. Io mi portavo i miei genitori in ogni posto, al mare con i miei amici, a ballare nei locali notturni estivi dove si facevano i balli di gruppo, non ho mai avuto nessun problema con loro, ne da adulta ne da bambina. Ed ero educata, cosa più importante, rispettosa verso gli adulti e anche verso i bambini.

La cosa che invece riscontro al giorno d’oggi è la più totale mancanza di educazione, di rispetto verso gli adulti in generale e verso i genitori in particolare. Vedo mamme che decidono che con i figli si deve solo parlare perdere tempo dietro a bambini nel parco che picchiano gli altri e che fanno i prepotenti sugli scivoli, cercando di far capire loro il comportamento sbagliato, inutilmente. Vedo bambini che ad ogni piccolo “no” si lanciano in terra ad urlare, a pestare i piedi e che smettono solo se accontentati. Vedo bambini maleducati che dicono le parolacce ai genitori. Vedo bambini cresciuti senza la minima regola ferrea, a pane e parole, senza punizioni minime (e non parlo di sculacciate ma proprio delle più classiche punizioni, tipo niente tv), crescere convinti che il mondo è loro e che ci possano fare quello che vogliono e mi spavento a pensare che questi bambini saranno gli adulti di domani. Ora, già gli adulti che ci sono oggi non sono il massimo per la maggiore, che futuro avremo con questi bambini? Io ho il terrore, non so voi.

Un’altra cosa che mi chiedo è se queste mamme che chiamano incivili e violente quelle pro sculacciata si preoccupano anche di insegnare, nello specifico, un pochino di educazione civica ai propri figli. Mi chiedo se attraversano con il verde quando sono a piedi, se lo fanno sulle strisce pedonali, se con la macchina si fermano prima della striscia al semaforo o se parcheggiano in doppia fila o di fronte agli scivoli per handicappati. Mi chiedo se cedono il posto ai vecchietti negli autobus, se lasciano saltare la fila agli invalidi e alle donne incinta nei supermercati, se non buttano mai cartacce per la strada, se insegnano ai figli che nello scivolo la fila si rispetta o che non si sale al contrario (no, non glielo insegnano), se raccolgono la cacca dei loro cani e molte altre cose ancora. Perché da quello che ho potuto notare con occhio, sanno solo guardare quello che le altre persone fanno, e costruirci su un pippotto su come loro sono perfette. Nel post di cui ho scritto sopra alcune lo hanno proprio affermato, di sentirsi superiori alle mamme alle quali ogni tanto scappa la sculacciata, di sentirsi “mamme perfette”, poi magari insegnano ai figli che è giusto sparare sentenze su chiunque ma fa nulla.

In questi ultimi tempi si parla tanto di empatia verso le altre razze. Vegetariani, vegani, nessun alimento di origine animale, ripettare le altre specie è sacrosanto (e se non lo fai ovviamente sei una merda, un assassino, un mangiacadaveri e quant’altro, ma questo è un’altro discorso), peccato però che la cosa che io noto stia scomparendo, è l’empatia verso la propria di specie. Si passa più tempo a criticare gli altri senza comprendere che il problema più grande per questo mondo è proprio quello di sentirsi superiore al prossimo. Ma io sono una mamma che gli sculaccioni li ha dati quando li ha ritenuti necessari, quindi sono una violenta di parte. Anzi, di solito mi piace picchiarmi pure con Frafra, a dire il vero qui in casa ci picchiamo tutti, ci divertiamo così.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...